Woody Allen: La figlia Dylan e le accuse di abusi sessuali

Nel blog che cura per il New York Times Nicholas Kristof ha dato spazio a una lettera aperta scritta da Dylan Farrow, figlia adottiva oggi 28enne di Woody Allen e dell’allora compagna Mia Farrow.

Nel 1993 Woody Allen è stato accusato di aver commesso abusi sessuali su Dylan. A quelle accuse non è seguita alcuna condanna (su questi punti vi rimandiamo anche al vecchio racconto di Mia Farrow su Vanity Fair e al recente articolo di Robert B. Weide, autore del 2012 di un documentario sul regista).

Nella lettera pubblicata dal NYT Dylan Farrow descrive gli abusi che dichiara di aver subito da Allen durante la propria infanzia e chiama in causa i protagonisti di “Blue JasmineCate Blanchett, Louis CK e Alec Baldwin («cosa fareste se stessimo parlando di vostro figlio?»), Emma Stone, ora sul set del nuovo film di Allen “Magic in the Moonlight”, Scarlett Johansson («se fosse successo a voi?») e Diane Keaton, che il mese scorso ha ritirato il Golden Globe alla carriera assegnato al regista («ci conoscevamo quand’ero piccola, mi hai dimenticata?»). In quell’occasione Mia Farrow e l’altro figlio Ronan fecero sentire la propria voce anche su twitter, con commenti duri e sarcastici.

Cate Blanchett, che proprio per “Blue Jasmine” ha ricevuto una nomination ai prossimi Oscar, dal Santa Barbara Film Festival che le ha dedicato un premio speciale commenta così: «Si tratta di una situazione molto dolorosa che affligge la loro famiglia da molto tempo, spero possano giungere a una soluzione e ritrovare la pace».Fonte: The Hollywood Reporter

Scroll To Top