World Music Film Fest

Continua la quarta edizione della rassegna World Music Film Fest organizzata a Milano da La Scheggia. Il titolo della rassegna, che si conclude il 31 marzo, è Rock around the clock. L’iniziativa è curata da Domenico De Monte. Si tratta di un festival cinematografico che esplora fenomeni musicali e i suoi più importanti esponenti attraverso film, cortometraggi e documentari.

L’edizione di quest’anno è dedicata al rock e ai suoi rebels without a cause: quattro film sulla musica rock ripresa da diverse angolature e trattata nei suoi molteplici aspetti, da fenomeno generazionale a espressione di malcontento e anticonformismo, da specchio del conflitto generazionale a strumento di fuga dalla realtà. Il rock, con i suoi connotati di ribellione e sogni di gloria, mitizzazione e conformismo, rappresenta l’espressione di un’epoca in cui la musica era in grado di muovere intere generazioni. I film di quegli anni, che si interessano al fenomeno come fatto culturale e lo portano sul grande schermo con modalità anche molto diverse tra loro, ci forniscono oggi le chiavi per un’analisi socio culturale di un preciso momento storico.

Questa quarta edizione del WMFF propone, oltre alle proiezioni, due concerti di musica dal vivo e proiezioni a sorpresa in luoghi differenti. Mercoledì 27 marzo alle 21.30 alla Santeria di Milano toccherà a “Linda Linda Linda“, un film di Nobuhiro Yamashita (Giappone, 2005) Il titolo si riferisce alla canzone “Linda Linda” del gruppo punk rock giapponese The Blue Hearts molto famoso negli anni 80-90. La pellicola, diretta da Nobuhiro Yamashita, vede Aki Maeda, Yu Kashii, e Shiori Sekine nel ruolo delle tre studentesse liceali membri della band; e Bae Doona nella parte di una studentessa sud-coreana. La band della quale fanno parte le ragazze si divide a causa dell’infortunio della cantante e dei litigi tra due di loro sulla sostituzione della cantante. Ne rimangono tre che decidono di suonare lo stesso al concerto di fine anno con un’altra cantante e formando un nuovo gruppo. Non sanno ancora cosa suoneranno, quando trovano per caso delle vecchie scatole di cassette tra cui quella dei The blue hearts. Decidono quindi di suonare tre dei loro successi tra cui “Linda Linda”. Ora devono trovare la cantante e la scelta ricade per caso su una ragazza sud coreana che si trova in Giappone per uno scambio culturale. Lei accetta un po’ inconsapevolmente. Parla poco il giapponese e all’inizio è un disastro. Da qui inizia il loro tour per provare il più possibile di giorno e anche di notte per prepararsi al concerto finale. I sentimenti sono sempre vissuti ed espressi in punta di piedi con estrema compostezza e discrezione. Ci sono dei momenti del film molto ironici per la loro ingenuità come le dichiarazioni d’amore dei ragazzi a due della band e il ritmo del film potrà suggerire quello lento e sornione di un Aki Kaurismaki.

Prima del film verranno proiettati videoclip musicali – c/o Santeria via Paladini 8 Milano – ingresso 2 euro con tessera associativa La Scheggia.

Scroll To Top