Home > Zoom > A.A.A. Cercasi Nonna Italia

A.A.A. Cercasi Nonna Italia

La vecchia Italia è piena di sbagli alle spalle e buon nome disonorato. Tocca agli italiani, orfani dei bei tempi, cercare di salvare la vecchia signora. Che avrà sì tanti sbagli, ma che resta comunque cara come solo una nonna (o una madre) sa esserlo.

La metafora di ciò è quella che Valerio Mastandrea ha recitato in un monologo teatrale intitolato “Nonna Italia”. Alessandro Valori con la scuola di cinema Digital Desk e un gruppo di studenti di cinque licei romani ha portato a termine un progetto che, toccando diversi municipi, scandisce le cinque parti della sceneggiatura di “Chi Nasce Tondo…”, ovvero le avventure di Mario e Righetto (Mastandrea e Raffaele Vannoli) che, tra strade romane e ricordi di un’infanzia in bianco e nero, cercano nonna Italia, fuggita dalla tranquilla (fin troppo per lei!) casa di cura con in tasca un bottino di diecimila euro.

L’obiettivo è stato quello di realizzare un film su Roma, e lasciarlo realizzare agli stessi romani. Da quei ragazzi della capitale che scelgono di abbandonare le tematiche adolescenziali e lasciar posto alla storia di una nonna che, fedina penale sporca a parte, potrebbe essere la burbera nonna di chiunque.
Un traguardo raggiunto attraverso una produzione tutta digitale e che in cinque settimane di riprese e con poco più di trecentomila euro di budget ha realizzato un film pronto alla distribuzione nelle sale e al giro dei festival.

Gli eventi di Arca 2008 cominciano proprio da qui, dall’incontro col regista Valori e Pierpaolo Piciarelli, uno degli sceneggiatori. Proiezione del film e successivo dibattito hanno lasciato parlare del futuro della produzione digitale, che occupa sempre maggior spazio tra le produzioni di casa nostra e dell’avvenire del nuovo (e giovane) cinema italiano. Quel cinema che prima di arrivare a Garrone e Sorrentino e ai festival d’oltralpe passa per i racconti di un’Italia che vuol farsi raccontare e che, per una volta, si racconta attraverso lo sguardo degli italiani.
Una rivoluzione? No di certo! In fondo, chi nasce tondo

Scroll To Top