Home > Recensioni > Abulico: Il Colore Dei Pensieri
  • Abulico: Il Colore Dei Pensieri

    Abulico

    Data di uscita: 05-11-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Un prisma musicale

Nell’era dei ricordi affidati ad Instagram, quasi si perde la memoria dei colori. Quello veri e non falsati di un istante vissuto ad occhi aperti. Persino un non più giovanissimo Goethe ebbe a cuore la stesura di un saggio sulla Teoria dei Colori.

Gli Abulico avranno letto quelle pagine per il loro secondo album “Il Colore dei Pensieri”?

Sta di fatto che come un prisma che riceve luce e caccia colori, così il quartetto napoletano trae ispirazione da una Napoli non più grigia per sfornare nove tracce da ascoltare, cantare e paragonare alla poesia.

Non dimenticando mai di immergere nella tavolozza del pittore la vita quotidiana.

Complice il cambio di lingua – il primo “Behind” era in inglese, ora cantano in italiano – “Il Colore dei Pensieri” si fa esempio di un cantautorato che non ha bisogno di dire ‘amore’ per evocare romanticismo.

La dolcezza de “La Purezza del Silenzio” fa andare fuori strada quando si parla del circuito indipendente italiano. Il primo singolo “Fragile” ha ricordato l’importanza di un bel video. Gli arrangiamenti curati alla perfezione tolgono il bollino di esordiente ad un gruppo che al secondo disco ha già cambiato pelle.

Pro

Contro

Scroll To Top