Home > Interviste > Sanremo 2019, Achille Lauro: “Spero di conquistare il grande pubblico” | INTERVISTA

Sanremo 2019, Achille Lauro: “Spero di conquistare il grande pubblico” | INTERVISTA

Correlati

Rolls Royce, brano di Achille Lauro in gara alla 69esima edizione del Festival di Sanremo, anticipa il disco che uscirà in primavera. Lo abbiamo incontrato in conferenza stampa. “Il palco di Sanremo è un palco che ti mette alla prova – commenta Achille – Appena ho iniziato a cantare non ricordavo nulla. Sono molto contento che Baglioni sia stato lungimirante e coraggioso”.

 

Quanto ti sei ispirato a Vasco in questo brano?

Beh Vasco è una delle poche rockstar italiane. È prezioso come artista in tutta Italia. La canzone, in realtà, era già pronta da un anno e mezzo.

Pensi di essere fuori posto a Sanremo?

Non penso di essere fuori posto. Credo che il brano sia adatto per questo palco. Anzi, sarebbe bello tornarci ancora a Sanremo. Si respira una bella energia.

Hai dichiarato che sei un appassionato di moda. I tuoi tatuaggi, il tuo modo di vestire. Quanto influenza sui tuoi testi?

Nel 2019 per me l’immagine è una parte fondamentale di una carriera di un artista. Però sono due cose distinte.
L’insieme fa la forza, ma credo che la musica abbia il suo potere e questo basta.

Come ti stai trovando a esibirti un pubblico diverso come quello di Sanremo?

Spero di conquistare pian piano il grande pubblico. Devo dire però che già dalla seconda serata abbiamo avuto un riscontro positivo.

Cosa rispondi a chi critica il fatto che un artista con i tatuaggi in faccia non possa esibirsi a Sanremo?

Credo che il tatuaggio non sia più un tabù nel 2019. I pregiudizi in generale sono sbagliati. Ormai si vedono anche modelli sfilare con i tatuaggi. Questo è bello perché vuol dire che non si dà più importanza solo alla bellezza ma anche alla particolarità della persona stessa.

 

Scroll To Top