Home > Report Live > Acid psychedelic show

Acid psychedelic show

Un live, quello alla Salumeria della Musica di Milano, che non ha smentito. Anzi, ha sottolineato con forza, energia e un po’ di follia l’estro dei Jennifer Gentle, ormai rimasti in due ma con la carica di un battaglione di psichedelici soldatini che si muovono decisi e colorati verso la loro vetta. Ed è proprio quella che il cantante e chitarrista Marco Fasolo e il tastierista factotum Liviano Mos hanno nel loro mirino: dall’essere stato il primo gruppo italiano a ottenere il contratto dalla Sub Pop, etichetta discografica celebre per aver lanciato i Nirvana, fino al loro ultimo lavoro, l’ep “Evanscent Land” che la band sta orgogliosamente scarrozzando per tutto il mondo.

E proprio a Milano ha fatto tappa la loro carovana. Una carovana che, come sempre, porta con sé l’eredità di Syd Barrett e quell’originalità che li rende non spudoratamente tributari, ma estremamente creativi e coraggiosi.
E allora sullo stage dei Rock Files, programma della LifeGate Radio di Ezio Guaitamacchi, i Jennifer Gentle hanno fatto roteare le loro pietre miliari: dall’urlata e scanzonata “Locoweed” alla quasi ossessa “I Do Dream You”. Dall’allucinata “Liquid Coffee” alla spensierata “Take My Hand” fino alla convulsa “Nothing Makes Sense” un omaggio sonoro a “The Piper At The Gates Of Dawn”. E in mezzo a questo caleidoscopio di suoni, ecco i brani del loro nuovo album: “She’s Alright” dall’aroma dolcemente pop, “My Memories’ Book” dal sapore Tolkieniano, “Madhouse” dal retrogusto un po’ malinconico e, infine “Wondermarsh” a chiudere il quartetto della nuova produzione.

L’ep esce per una piccola label inglese, la Heron. Il clima è differente dal gotico cupo di “The Midnight Room”. Un pop accattivante, piacevolmente malato, a tratti straordinariamente sghembo ma sempre meravigliosamente attuale. Ezio Guaitamacchi, presente al tavolino del palco, ha ripercorso insieme al gruppo la loro carriera, feedback e nuovi obiettivi. Un alternarsi di domande e suoni che hanno marchiato la serata col sigillo dello stupore e di nuove attese. Apriranno il concerto dei Franz Ferdinand il 21 novembre.

Scroll To Top