Home > Recensioni > Actnoir: Shape A New Start
  • Actnoir: Shape A New Start

    Actnoir

    Loudvision:
    Lettori:
    Vota anche tu

Correlati

Spleen moderno

Secondo album per gli emiliani Act Noir, che nei quattro anni che separano quest’uscita dal debut “Automatisme Psychique”, si sono mantenuti attivi con alcuni concerti live e ora si presentano con una nuova lineup che vede come vocalist Gaetano Notarnicola.

Il sound è comunque rimasto molto legato all’elettro-rock, anche se la band si è spostata verso linee melodiche più marcate. Tra gothic e basi wave “Shape A New Start” riesce a essere sufficientemente “furbo” da poter valicare i confini della nicchia di appartenenza degli Act Noir.

Tra brani sostenuti e un paio di lenti malinconici – “Wrong Places” e “The Higher I Went, The Deeper I Fell” – l’album scorre agevolmente con un tocco di tecnologia synth che non guasta.

L’impronta di gruppi storici, primo tra tutti i Depeche Mode, si sente costantemente. Ciononostante gli Act Noir hanno saputo coltivare una propria personalità e posizionarsi in una dimensione originale e interessante, fatta di atmosfere elettroniche liquide e sognanti, che non perde mai di vista la cura per i dettagli stilistici e tecnici.

Pro

Contro

Scroll To Top