Home > Recensioni > Adam Frei: Empty Music Industry
  • Adam Frei: Empty Music Industry

    Adam Frei

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Empty Music”? Ma proprio no

Si potrebbe essere portati a pensare che Adam Frei sia il nome di un artista solista, e invece no. Gli Adam Frei sono una band anglo-italiana, formata da Dave Timson (voce e basso), Alex Cherry (batteria), Mik Lennard e Alberto Garau (chitarre).

Per quale motivo il gruppo ha deciso di cambiare nome dopo dieci anni di carriera? Perché “Empty Music Industry” segna l’inizio di un nuovo stile, che ricorda abbastanza da vicino il brit rock d’annata. Il disco trasuda energia da ogni canzone e i brani sono orecchiabili, ma non in senso negativo: dopo un paio di ascolti siamo già portati a cantarli.
Il tutto senza tralasciare l’introspezione di alcuni testi.

Ci aspettiamo che il prossimo lavoro di questo (nuovo?) gruppo rispecchi ancora la stessa energia e lo stesso amore per la musica.

Dieci brani in cui si amalgamano uno stile prettamente rock ad un altro più lento, ma il tutto senza dimenticare l’energia che rimanda al brit rock. Ed è proprio questo aspetto che piacerà a molti appassionati di musica. Perché ci vuole coraggio a ripartire dopo dieci anni con un nuovo progetto e solo un risultato come quello raggiunto in questo disco può rendere giustizia a tale decisione. Chitarre elettriche e acustiche, batteria e una bella voce: questi sono gli ingredienti principali dell’album. Niente sperimentazioni, se si esclude l’idea di riproporre uno stile mai realmente passato di moda, anche se ora non considerato abbastanza trendy.

Pro

Contro

Scroll To Top