Home > Report Live > Afterhours: il tour HPDB arriva al Postepay Rock in Roma

Afterhours: il tour HPDB arriva al Postepay Rock in Roma

Gli Afterhours tornano sul palco della Capitale per la tappa estiva di HPDB e si presentano al Postepay Rock in Roma in pompa magna. Con loro il guest internazionale Nic Cester, protagonista con la band del singolo “Veleno” che accompagna il tour.

Glorificare la presenza scenica di una delle migliori band italiane è del tutto scontato. Per quanto è vero che “non di solo pane vivrà l’uomo”, i rockers di Milano uniscono l’utile al dilettevole, attraversando la penisola in meno di un anno per due lunghi tour stagionali. Stakanoviste api operaie vestite in completo, che suonano per fatturare e contaminare anime.
Si presentano sul palco lentamente, ognuno raggiunge la sua postazione e si parte con “Hai paura del buio” e la voce di Giorgio Prette. “1.9.9.6” detta la marcia ed i fans, che sono sempre calorosi, ma non tantissimi sotto il palco,cantano, pogano, si baciano , si scatenano  e sono per nulla stanchi di emozionarsi ancora con le canzoni di sempre.

Il susseguirsi della scaletta, che fedelmente riproduce quella dell’album, riempie l’Ippodromo di Capanelle di ottimismo. Sul palco la band è carica. Diviene palese l’impegno della stessa a suonare in maniera irreprensibile sia stilisticamente sia emotivamente una serie di brani (che i più estremisti definirebbero triti e ritriti) e farli sembrare un nuovo punto di vista, sapendo rendere omaggio a chi c’è; divertendosi con il pubblico: il combustibile che alimenta la locomotiva guidata da Manuel Agnelli. Sarà lo stesso frontman a definirlo incredibile e a incitare gli indecisi ad addentrarsi nel sotto palco e mettere fine a “una cosa asimmetrica che lo sta mandando fuori”. Non sarà accontentato del tutto e questo sembrerà essere il suo cruccio per tutta la sera.

Sempre camaleontici e vigorosi Xabier Iriondo e Rodrigo D’Erasmo che si destreggiano sul palco tra i vari strumenti come tarantolati. Assolutamente glam il basso e la seconda voce di Roberto Dell’Era ed elegantissima la chitarra e la presenza scenica di Giorgio Ciccarelli. Fieri, belli e ironici tutti. Ed ecco che dopo essere esplosi sul classico “Punto G”, Agnelli al microfono annuncia: “Signore e signori, Nic Cester!” ed è subito “Veleno”. Il pubblico non sa proprio resistere alla voce di Cester. Balla con lui, lo accoglie con assoluto entusiasmo tenendo il tempo, intonando i riff e cori. E’ caldo sopra e sotto il palco ed anche la batteria di Prette suda.

HPDB è come specchiarsi e ritrovarsi nella propria forma migliore ed essere pervasi da un’energia che non è fine a stessa. HPDB sembra essere un manifesto e con la mite “Mi trovo nuovo” si conclude la prima parte del live.

Il pubblico non ne ha abbastanza e reclama ancora una volta i musicisti che, prontamente e in un total black, si presentano con strumenti alla mano per un primo encore con le canzoni simbolo di Padania. Questa parte del live si trasforma in una visione molto più intima, anche se sempre tiratissima a livello musicale,tocca corde esistenziali e mostra il volto adulto della band che in questa parte del live è nel suo vestito migliore. Incantevole e struggente l’interpretazione di “Costruire per Distruggere”.

Poche chiacchiere, tanti e sentiti “Grazie” e di nuovo buio sul palco. Tornano e accontentano gli ultras di “Facce Strategie”.  Fanno Strategie , ma in una versione rivisitata che mette in crisi proprio tutti e loro dal palco sembrano godersela. Il secondo encore è un “best of”. Da Agnelli a torso nudo su “La verità che ricordavo” a “Quello che non c’è” passando per “Ballata per la mia piccola iena”. Sul palco c’è un collage  lungo vent’anni di chi gli Afterhours sono e di chi sono stati.

“Bye Bye  Bombay” chiude più di due ore di live. La band è stremata e Agnelli termina la sua performance “svenendo” sul palco, in un “orgasmo (musicale) che placa ogni reazione” . Un live completo, dal tocco internazionale e intrinseco di ricerca estetica.

Che sia una celebrazione probabilmente è vero, ma lo è nella sua più spirituale accezione. E mettendo al bando l’indolenza tipica italiana, la band sa inserirsi perfettamente in un contesto più europeo, e pare che con il suo vagabondare tra festival e città professi: “Musicisti contabili di tutti i paesi, unitevi!”.

 

La scaletta

Hai paura del buio?

1.9.9.6.

Male di miele

Rapace

Elymania

Pelle

Dea

Senza finestra

Simbiosi

Voglio una pelle splendida

Terrorswing

Lasciami leccare l’adrenalina

Punto G

Veleno

Come vorrei

Questo pazzo pazzo mondo di tasse

Musicista contabile

Sui giovani d’oggi ci scatarro su

Mi trovo nuovo

Encore:

Spreca una vita

Ci sarà una bella luce

Costruire per distruggere

Io so chi sono

Padania

Strategie

La verità che ricordavo

Non è per sempre

Ballata per la mia piccola iena

La sottile linea bianca

Quello che non c’è

Bye Bye Bombay

 

 

Scroll To Top