Home > Recensioni > Ainé: Generation One
  • Ainé: Generation One

    Totally Imported / none

    Data di uscita: 24-05-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Il 24 maggio è uscito per la Totally Imported “Generation One“, l’album di esordio di Ainé e la musica italiana si prepara a conoscere un nuovo talento.

Ha solo 24 anni e una voce semplicemente pazzesca: accarezza ogni nota con una voce dolcissima, nera, arrotondata. Un soul di quelli struggenti, piovosi, sorretto da una formazione musicale che si avverte solidissima nella massima cura per i dettagli e nel fine connubio di suoni digitali. Generation One è infatti il prodotto di due anni di ricerca musicale in cui Ainé, nome d’arte di Arnaldo Santoro, mette a frutto la sua esperienza alla Venice Voice Accademy di Los Angeles. Nelle 13 tracce che compongono l’album, infatti, si avverte nettamente la duplice patria artistica di Ainé: atmosfere e risonanze di evidente matrice nu-soul/hip hop americana sono sapientemente diluite nella patina melodica italiana. Si tratta di un binomio che si riflette anche sulla scelta linguistica dei testi, marcando una divisione quasi speculare della tracklist: i primi sei brani in italiano, gli altri sette in inglese. Le tracce si susseguono secondo un tracciato acustico che garantisce continuità alla trama dell’album, conferendole il respiro di un'”opera”, destinata ad avere un grande ascendente sulla scena r&b italiana, non particolarmente vivace.

Pro

Contro

Scroll To Top