Home > Recensioni > Alba Caduca: Babele

Il giusto mix

Massimo Dubini, Massimo Cisilino, Elena Feragotto, Francesco Breda e Walter Cargnelutti compongono gli Alba Caduca, gruppo che basa la propria musica su un mix ben riuscito tra elettronica e rock, e una new wave che rende “Babele” un lavoro di un’armonia particolarmente dark e gotico.

La massima espressione di questo esperimento musicale la si trova nella canzone “Babele” dove vari piani musicali si sovrappongono nel creare un sound abbastanza nuovo e aggressivo. Gli effetti sonori e il giro di basso ossessivo sono le prime basi di questa torre musicale che esplode nei piani più alti con chitarre, voce e batteria per una song davvero ben suonata.

Nella tracklist ci sono tre canzoni; tre diversi tipi di eloquio tutti strumentali che aprono, smezzano e chiudono il CD. I testi, molto curati, trattano di scenari biblici e scene truculente che portano a pensare a un futuro non molto roseo composto da paesaggi industriali e personaggi dark.

Anche il booklet contiene disegni che meritano un’occhiata e momenti di riflessione.

È il loro terzo album, tutta la loro esperienza si sente man mano che le note vengono suonate. Il genere musicale potrà anche non piacere per la sua crudeltà, ma è innegabile il fatto che i ragazzi lo declinano con i giusti attributi.

Pro

Contro

Scroll To Top