Home > Recensioni > Aldrin: Bene
  • Aldrin: Bene

    Aldrin

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Ragione e sentimento

Secondo album per gli Aldrin, giovane gruppo romano che già da qualche tempo ci proietta nel proprio ambiente strumentale fatto di spazi enormi ed erba mossa dal vento.

“Bene” ci porta ad assaporare una struttura colma e completa, composta da momenti tranquilli spazzati via da chitarre distorte che sono il classico emblema del post-rock contemporaneo. Ma non c’è solo ragione: sentimento, passione e voglia di fuoriuscire dalle strutture musicali. Questo è quello che contraddistingue gli Aldrin dalle altre band.

Se la ragione fosse l’unica forza che spinge il mondo ad andare avanti saremmo estinti da tempo. Siamo vivi e abbiamo ancora nelle viscere la passione da urlare anche grazie alla musica, a questa musica che dona importanza all’essere, che fa uscire i suoni dagli strumenti quasi come per magia.
Definirle solo quattro canzoni è riduttivo, tutte le tracce lasciano tutto il tempo di entrare nel vortice musicale anche grazie alla loro durata che non scende mai al di sotto dei sei minuti.
Dopo l’album d’esordio “La Roque”, un’altra piacevole conferma.

Pro

Contro

Scroll To Top