Home > Recensioni > Alessandro Grazian: L’Età Più Forte
  • Alessandro Grazian: L’Età Più Forte

    Lavorarestanca / audioglobe

    Data di uscita: 12-01-2015

    Loudvision:
    Lettori:

A volte le campagne di crowdfunding sono davvero utili, perché permettono agli artisti di esprimersi in modo completamente libero, senza dover scendere a compromessi. Questo è proprio il caso di “L’Età Più Forte” di Alessandro Grazian. A due anni di distanza dall’ultimo lavoro “Armi”, il cantautore padovano torna sulla scena musicale con un disco complesso e pieno di sfaccettature.

Dopo gli esordi acustici della sua carriera, “Armi” rappresentava la svolta elettrica di Alessandro. Il nuovo disco si propone invece come una presa di coscienza del percorso fatto dagli esordi fino a qui, arrivando a sintetizzare le esperienze musicali e non, accumulate negli anni. Quello che emerge è un intreccio tra canzoni dal puro gusto cantautorale, ballate piene di ironia e suggestioni dream pop.

“L’Età Più Forte” è quella più difficile, l’età in cui si prende consapevolezza di quello che si sta vivendo. Guardare fuori dal finestrino di un treno, mentre si torna a casa da una Milano straniera e un po’ spaventosa (“Corso San Gottardo”). Prendere la vita con tanta ironia e cercare la risposte a domande legittime in posti sbagliati (“La Risposta”). Misurarsi in una relazione adulta, cercando di capire dove inizia e dove finisce la propria identità (“Noi Noi Noi”).

Un disco che affronta tematiche complesse, ma lo fa sempre in modo distaccato e mai banale. E nel momento in cui tutto sta diventando tutto troppo pesante per essere sostenuto, “Sogna bimbo sogna per la tua ribalta. Sopraffazione? Sfinimento? Declino? Rabbia? Segni del tempo? Paura d’amare? Dall’oggi al domani un presente scadente? Voglia di novità? La risposta amico soffia nella pubblicità”.

Pro

Contro

Scroll To Top