Home > Recensioni > Alex Cambise: Tre Vie Per Un Respiro
  • Alex Cambise: Tre Vie Per Un Respiro

    Alex Cambise

    Loudvision:
    Lettori:

Old boy

Cantautore, produttore, polistrumentista e insegnante di musica, Alex Cambise ha collezionato numerose collaborazioni: da Ligabue a Elio, da Pino Scotto a Marco Ferradini. E, per non staccare mai dall’ambiente, ha anche sposato una cantante jazz. Dopo anni trascorsi a prestare le sue virtù agli altri, è la volta del suo primo lavoro solista.

“Tre Vie Per Un Respiro”, arricchito da ospiti e collaboratori di spessore, propone dodici brani all’insegna di un rock asciutto, privo di sovrastrutture e con leggere divagazioni nel jazz e nel blues.

I testi poi si affacciano con la giusta intensità nella struttura melodica, tanto che la qualità migliore dei pezzi risulta l’armonizzazione tra parole e musica, frutto del matrimonio tra l’attitudine rock e la tendenza al cantautorato.

Nel percorso di Alex Cambise, l’unica cosa che mancava era una esperienza da primo attore, alla quale oggi giunge con un bagaglio notevole.
I vent’anni passati in musica, con esperienze anche molto forti, come insegnare la chitarra ai reclusi del Beccaria di Milano, rispondono presente. Ne danno contezza sia i testi, vivi e sentiti, che gli arrangiamenti, volutamente basici ma non per questo deboli. Nell’album non ci sono elementi di novità ma il “tutto vecchio” è fatto bene.

Pro

Contro

Scroll To Top