Home > Recensioni > All Pigs Must Die: God Is War
  • All Pigs Must Die: God Is War

    All Pigs Must Die

    Data di uscita: 01-01-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Dio è amore

La Southern Lord Records di Greg Anderson, come se non avesse già abbastanza artisti di livello nel suo roster, torna a colpire con una nuovissima e potentissima produzione: “God Is War” degli americani All Pigs Must Die.

Capitanati da un certo Ben Koller dietro le pelli, i quattro ragazzacci confezionano un disco d’esordio di rara malvagità e potenza: badilate su badilate di riff fangosi chiaramente figli del mefistofelico thrash di casa Slayer, a cui i nostri aggiungono quel tocco di nera melma sludge tanto cara a Melvins, Crowbar e a tutti gli altri amici del fango ad alto volume. 37 minuti di pura adrenalina, astenersi padiglioni auricolari particolarmente sofisticati!

Niente di nuovo in “God Is War”, questo è chiaro, gli All Pigs Must Die ne sono ben coscienti e soprattutto fieri. L’unica cosa che conta è il muro di suono che pezzo dopo pezzo, tra momenti velocissimi di chiaro stampo thrash-hardcore a ad altri molto più funerei e cadenzati al confine con il doom, investe l’impavido ascoltatore.

Pro

Contro

Scroll To Top