Home > Recensioni > All The Young: Welcome Home

La Warner è sorda

Leggendo il titolo vi sarà venuta questa faccia qua.
Dopotutto la Warner è la stessa etichetta discografica di BASSHUNTER e dei DRAGONFORCE, cioè.

All The Young, ad ogni modo, non è una band che fa a cazzotti con la velocità della luce né un insieme di produttori svedesi che nelle canzoni parlano di quando si fanno i robot: è un gruppo brit rock che sfocia fortissimo nel pop, viene da Stoke-on-Trent e ha pubblicato un album d’esordio che dà per scontata la simpatia e il successo che potenzialmente potrebbe riscuotere.

Ryan Dooley ha proprio l’espressione da “Guardateci bene, siamo belli e fighi e nessuno ci batte”.
Ecco, lasciatecelo aggiungere alla lista delle cose di cui non ci frega poi tanto.

Il nostro giudizio da critici seri e temperanti è: state in guardia perché è roba sentita, sentitissima.
Il mio (specifico della persona che ha scritto l’articolo) giudizio personale è: NON COMPRATELO, FA SCHIFO.
A voi.

Pro

Contro

Scroll To Top