Home > Recensioni > Almamediterranea: Popolo Di Onesti
  • Almamediterranea: Popolo Di Onesti

    Almamediterranea

    Data di uscita: 01-01-2012

    Loudvision:
    Lettori:

L’allegra sardabanda

Arrivano dalla Sardegna con allegria, ma anche con un po’ di amaro nel cuore, gli Almamediterranea, che con l’ultimo album “Popolo Di Onesti” descrivono perfettamente la realtà disagiata che vive l’Italia negli ultimi anni. Catturano i consensi della gente, di quel “popolo di onesti” ancora vivo nella società. Dodici tracce dal colorito folk meticcio che trattano i temi dell’ingiustizia, di quegli eroi “figli della Patria scomparsi in una guerra ingiusta e senza senso”, dello Stato che va “a braccetto con la mafia”, dei morti sul lavoro “due, tre volte uccisi dall’indifferenza”, della povertà, anche con un pizzico di ironia: «Sei povero? Colpa tua!». La sardabanda riesce a comunicare le sofferenze, in particolar modo quelle politiche, che ci accomunano. Il titolo “Galera” racchiude in sé il contenuto del brano.

Dodici canzoni significative e piacevoli da ascoltare. Un gruppo che raccoglie diverse influenze musicali e le trasforma in qualche cosa di unico. Uno stile che si avvicina ai Modena City Ramblers e alla Bandabardò. Una sorta di ballata rivoluzionaria del tutto costruttiva e non distruttiva. Originale il miscuglio con la lingua spagnola nell’ultima parte del brano “Galera”. In “Vivila” si assapora l’amorevole fusione di melodia tra la chitarra e il flauto traverso, che rimanda all’immagine di una terra calda ispanica. Quest’ultima è alquanto suggestiva e infonde tanta carica: “Stringi la mano se ci credi ancora, vivi la vita che è dentro di te!”.

Pro

Contro

Scroll To Top