Home > Recensioni > Amorphis: Forging The Land Of Thousand Lakes
  • Amorphis: Forging The Land Of Thousand Lakes

    Amorphis

    Loudvision:
    Lettori:

La terra dei mille successi

Primo live CD/DVD per gli Amorphis che, dopo una carriera ventennale e un paio di raccolte, colgono l’occasione del concerto del 2009 a Oulu (Finlandia), per pubblicizzare le doti dal vivo di Tomi Joutsen.

Le otto produzioni della band finnica sono un ricco granaio da concentrare in poco più di un’ora, nell’attesa che un pubblico silenziosissimo si prepari all’ingresso degli Stratovarius.
E così si rendono necessari più medley, che in fin dei conti non sono altro che l’aperta confessione che alcune canzoni vivono soprattutto di un’accesa e riconoscibile melodia.

Joutsen è nato per gli Amorphis, così come gli Amorphis sembrano nati, sin dall’inizio, per Tomi, impareggiabile nei growl e nei clean, col suo timbro straziato e decadente.
Ma a colpire, in particolar modo, è la qualità dei suoni, del tutto simile alle realizzazioni in studio. Non ci sono variazioni sul tema, nessun solo, nessuna piroette: tutto viene eseguito con matematica freddezza e perfezione. Ed è questo il limite dell’album, che non regala null’altro che ciò che era stato già sentito nelle versioni originali.

Pro

Contro

Scroll To Top