Home > Recensioni > An Cafe: Harajuku Dance Rock
  • An Cafe: Harajuku Dance Rock

    An Cafe

    Data di uscita: 26-03-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Rock no jutsu!

Con una copertina kitsch come solo i giapponesi sanno essere, tornano i trendissimi An Cafe.
Trendissimi almeno in Giappone, visto che il loro pop-rock in lingua autoctona difficilmente oltrepasserà le barriere del culto in Europa – e soprattutto in Italia.

L’EP in questione segue tre full-length e un’altra manciata di produzioni brevi, mantendosi sostanzialmente sulla stessa riga. Tutto è racchiuso nel nome stesso del disco: “Harajuku Dance Rock”. Harajuku è la zona più trendy di Shibuya, a sua volta il quartiere più fico di Tokyo. Avete presente le giapponesine vestite come bambole, i cosplayer e i tamarri frutto dell’incrocio tra vecchi glamster e i protagonisti di Tokyo Drift?

A Shibuya è pieno di gente così e gli An Cafe se ne ergono a degni alfieri, inserendosi nel popolare (sempre in Giappone) filone dei visual kei. Per quanto riguarda la dance, ce n’è effettivamente poca e i sintetizzatori sono relegati a un ruolo piuttosto secondario, se escludiamo “NYAPPY In The World 4″.
E il Rock? Quello c’è e, in piena tradizione nipponica, trabocca di melodie oriecchiabili.

Se vi piace il J-rock questo EP potrebbe rivelarsi senza dubbio piacevole. Se invece siete vergini è consigliabile iniziare da altri gruppi prima di arrivare agli An Cafè. Ad esempio gli L’Arc~en~Ciel (tra i leader del movimento), gli Asian Kung-Fu Generation o gli stupefacenti Polysics.

Pro

Contro

Scroll To Top