Home > Recensioni > Anathema: Weather Systems
  • Anathema: Weather Systems

    Anathema

    Data di uscita: 16-04-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Se lo ascolti, potresti provare queste sensazioni

La corda tesa dell’ultimo addio al baluginare del tramonto. Il respiro che diventa voragine dentro lo stomaco, per poi ricominciare a volare. La tempesta emotiva che grandina sangue infuocato e solleva l’anima oltre la fisica esistenza; per radunarla insieme ai nembi che abitano la bufera.

La canzone armoniosa del vento che si fa strada attraverso lo spazio luminoso tra gli alberi; la luce che si infiltra tra il fogliame leggero. La furia elettrica dell’occhio del ciclone che non riesce ad abbattersi completamente sulla terra ferma e fertile del cuore.

L’acqua di un oceano silenzioso nella notte in cui si rincontrano i propri sogni di fanciullezza. La sua corrente profonda che afferra ciò che ne rimane e lo trascina negli abissi. La mano tesa per l’ultimo salvataggio. E la fine non è mai stata così dolce.

“Weather Systems” è il capolavoro degli Anathema. La loro creazione più intensa in vent’anni di sfida continua alla crescita. “WHBWH” aveva sbalordito tutti per la varietà di stili e la naturalezza del suo fluire. Sette anni di ricerca, affinamento e maturazione naturale avevano prodotto un risultato unico, che sembrava impossibile perfino da replicare. Andare oltre, creare con la stessa fluidità spontanea un ecosistema sonoro ancora più omogeneo, diretto ed emozionale è stata la più grande impresa possibile. Imperdibile.

Pro

Contro

Scroll To Top