Home > Zoom > Andrea Tich: il nuovo album si intitola Una Cometa Di Sangue

Andrea Tich: il nuovo album si intitola Una Cometa Di Sangue

Una Cometa Di Sangue” è il nuovo lavoro di Andrea Tich. L’artista, che ha alle spalle ben 36 anni di carriera, torna in scena con un doppio album pubblicato dalla Interbeat/Snowdonia. La nuova opera di Andrea Tich abbraccia diversi generi musicali: dal beat-psichedelico degli Hollies al free rock Zappiano, dalla dark-wave di Joy Division, al naif- acustico degli XTC. L’artista vuole a tutti i costi distaccarsi da ogni minima convenzionalità, mantenendo vivo una certo taglio personale ricorrendo a una formula ben precisa: testo e interpretazione strumentale. L’intento è suscitare a chi ascolta una sorta di “polaoid di immagini”, esattamente come in una colonna sonora di un film.

Andrea Tich, milanese e di natali siciliani, ha esordito nel ’78 con un album dal titolo “Masturbati”, pubblicato da Cramps.

 

Questi i commenti di Andrea Tich sulle tracce per lui più importanti.

CD1

02 – SONO SOLO I TUOI OCCHI

L’amore cantato con la stessa passione che, generato dal vero sentimento, è in egual misura dolce e superbo, come un futuristico menestrello che canta una serenata accompagnandosi con il suo strumento virtuale.

06 – CANZONE PER ENZO

Dedicata ad un grande amico/musicista che negli anni, mi ha accompagnato in questo difficile percorso costellato di grandi delusioni e troppo poche soddisfazioni, ma sempre al mio fianco a cantare “le strane canzoni” …il destino lo ha portato via troppo presto.

08 – LA LEGGENDA DELLA VOCE SOLITARIA

Una storia di fantasmi con protagonista una voce solitaria che abita nei sogni di chi inconsapevolmente la richiama ogni qual volta la musica non ha un’identità ben definita, rimanendo suo prigioniero sempre alla ricerca dell’ispirazione.

CD2

02 – SE UN GIORNO VEDRAI

La consapevolezza di quello che siamo, la coscienza di sapere che qualcuno o qualcosa ha disegnato il proprio destino e niente o nessuno riuscirà a cambiare. Forse questa cognizione siamo noi stessi.

04 – CHIODI FISSI

Nebbia metropolitana, la solitudine ti porta a rimuginare pensieri che danzano nella tua testa fissandosi come chiodi difficili da strappare… forse il sole risolverà? Ma il sole dov’è.

10 – PUOI CANTARE

La bizzarra fantasia dei sogni che ti portano a pensare che passate vite remote ci hanno visto protagonisti, come personaggi di cartoni animati che possono realizzare ciò che la realtà non permette… un sogno.

12 – IL POSTO…(dov’è andato Claudio Rocchi?)

Ho conosciuto Claudio e ho immaginato in musica il suo percorso. Tra il mistico e il fantastico, tra le tante ideologie, esperienze, canzoni e sogni, gli alberi e le piante di quel “posto”, si inchinano alla sua grandezza.

Scroll To Top