Home > Recensioni > Anna Calvi: Anna Calvi
  • Anna Calvi: Anna Calvi

    Anna Calvi

    Loudvision:
    Lettori:

Protostella

Non è poi così difficle capire la chiave del successo di Anna Calvi, che nella sua infanzia è stata cresciuta da suo padre in quel di Londra a pane, Ravel e Debussy. Eleganza e armonia sono la sintesi in ogni sua nota suonata e in ogni parola cantata.

Toccando le vie più viscerali alla Jeff Buckley, passando per le ruvide carezze alla PJ Harvey, Anna crea musica adatta a una colonna sonora per un film à la David Lynch.

Risulta davvero impossibile resistere e non essere sedotti: la signora Calvi conosce come giocare con le emozioni dell’ascoltatore, del resto è metà italiana mica per niente.

Siamo di fronte alla nascita di un talento e, per far sì che la stella brilli per bene, Anna Calvi dà il suo stesso nome al gruppo e al suo primo CD. Tanto per non passare inosservati.

Il 2011 inizia bene, l’artista che scommette su questo tipo di musica è sempre ripagato dalle orecchie indipendenti e alternative.
Ottimo talento che riempierà i nostri lettori musicali per molti anni. Poi magari qualche pubblicitario userà una sua canzone per uno spot e la stella in questione avrà luce eterna e noi saremo tutti Re Magi.

Pro

Contro

Scroll To Top