Home > Recensioni > Annuals : Count The Rings
  • Annuals : Count The Rings

    Annuals

    Loudvision:
    Lettori:

EuroTrip

Forti delle due passate uscite discografiche accolte positivamente in terra natia, gli statunitensi Annuals, gruppo indie pop/rock formato da sei ragazzi provenienti dal North Carolina, decidono di imporsi sul mercato discografico europeo con “Count The Rings”, una raccolta dei migliori singoli e di b-sides del loro recente passato.

Il loro biglietto da visita non poteva essere più gradito, le undici tracce che compongono il platter infatti sono una sorta di vademecum del perfetto disco indie pop. Estremamente catchy e piacevoli, i brani, sono un continuo susseguirsi di killer track, tra schitarrate rock, set acustici e soluzioni elettroniche. Peccato solo che si tratti di una raccolta.

Nel segno di Beatles, Flamig Lips, Death Cub For Cutie e Arcade Fire prende forma e vita la proposta musicale degli Annuals in un lavoro di classe, mai piatto e mai banale. Gli arrangiamenti ricchi ma sempre sobri, in stile Arcade Fire, sono la ciliegina su una torta gustosissima.

Pro

Contro

Scroll To Top