Home > Recensioni > Any Face: The Cult Of Sickness
  • Any Face: The Cult Of Sickness

    Any Face

    Loudvision:
    Lettori:

Ritorno agli anni ’90

Gli Any Face sono una band proveniente da Varese dedita ad un death metal puro e semplice, senza compromessi. Hanno alle spalle un album e vari demo/EP, ed ora tornano sul mercato con questo “The Cult Of Sickness”.

Otto canzoni con un sound che arriva direttamente dagli anni ’90, dall’epoca d’oro delle death metal band americane a cui i nostri si rifanno, senza però diventarne delle semplici copie. I 40 minuti dell’album risultano più maturi delle pubblicazioni precedenti, con scrittura, composizione ed arrangiamento dei brani che denotano più attenzione prestata.

Ospiti speciali: Mick Montaguti degli Electrocution, Domenico Perra Roviello dei Glory Blister e Alan Dubin degli O.L.D.

Facile riconoscere in questo album i mostri sacri del death metal anni ’90, come detto però gli Any Face non risultano delle semplici copie ma piuttosto degli ispirati. I cinque musicisti sono guidati da una passione che crea il giusto mix di velocità, tecnica e potenza senza troppi cali di tensione.
“The Cult Of Sickness” è un album che non stanca anche dopo vari ascolti, c’è margine di miglioramento ma la band dimostra di sapere ciò che vuole fare e di avere le carte giuste per arrivare all’obiettivo.

Pro

Contro

Scroll To Top