Home > Recensioni > Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie
  • Apes Revolution – Il pianeta delle scimmie

    Diretto da Matt Reeves

    Data di uscita: 30-07-2014

    vai alla scheda del film

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

A tre anni dallo straordinario ed inaspettato successo de “L’alba del pianeta delle scimmie” la FOX torna a sfruttare il ritrovato franchise nato nel lontano 1968, continuando a scrivere la lunga genesi della scimmia più carismatica della storia del cinema, Cesare — no, King Kong, tu sei un gorilla.

Stavolta alla regia c’è Matt Reeves e il cast umano si rinnova con l’arrivo di Gary OldmanJason ClarkeKeri Russell. Dietro le fattezze di Cesare invece ritroviamo l’impressionante lavoro di Andy Serkis, ormai nume tutelare e icona della recitazione in motion capture.

Qualcuno lassù sta proteggendo questa sorta di reboot/genesi del Pianeta delle Scimmie perché “Apes Revolution“, lungi dal ridimensionare l’interessante prospettiva del primo capitolo, lo sorpassa nettamente per contenuti, resa stilista e pathos narrativo. Come il suo predecessore si dimostra incredibilmente sobrio, riservandosi qualche scena da blockbuster estivo solo sul gran finale, dopo che il suo protagonista ha goduto di una costruzione con un crescendo di tinte shakespeariane.

Rimane intatta l’inquietudine suscitata dall’ascesa delle scimmie a discapito dell’umanità e dai tanti paragoni che la pellicola suggerisce nemmeno troppo velatamente, proiettandosi sull’epica di un re shakesperiano che potrebbe portare Serkis a quella nomination tanto attesa.

Peccato che le vicende umane siano talmente risibili e l’interpretazione di Jason Clarke tanto monocorde che uno non può che tifare per le scimmie, specie se, PER DIANA, sono scimmie che cavalcano.

Pro

Contro

Scroll To Top