Home > Recensioni > Appaloosa: Trance 44
  • Appaloosa: Trance 44

    Black Candy Records / audioglobe

    Data di uscita: 15-01-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

“Trance 44″ è il quinto album in studio per la band livornese Appaloosa e il secondo prodotto per la Black Candy Redcords. Una formazione quella livornese, che vede un cambio nella line up, con l’ingresso di Diego Ponte al basso, al fianco dei due membri storici Nicolò Mazzantini e Marco Zaniniello. Un cambio che non scalfisce il suono della band, che prosegue nella creazione delle sue sonorità quasi uniche in Italia. Ospiti come Simone di Maggio, Rico degli Uochi Toki e Marina Moulopulos, contribuiscono a portare idee e spunti nuovi nell’universo della band.

Un disco che suona come un viaggio psichedelico, tra diverse sonorità e generi. La musica rock s’incontra con la musica elettronica e quello che ne scaturisce è un viaggio disorientante. Non più l’idea di un singolo brano, ma una miscela d’ ingredienti diversi e risultati diversi. “Trance 44″ è una cavalcata rock, dove il basso avanza pesantemente e viene intrecciato da suoni arabeggianti. Il successivo “Jerry” richiama la tradizione del trip hop inglese e “Deltoid” mostra i muscoli e tutta l’intensità del disco. Il brano “Polfer”, diventa un rocambolesco inseguimento sui binari di una stazione.

“Trance 44″ è un disco sorprendente per chi è alla ricerca di sonorità particolari e ha voglia di lasciarsi trascinare dalla musica. Dove non ci sono parole, la nostra mente è libera di creare storie ed associazioni.  Lasciatevi guidare e godetevelo.

 

Pro

Contro

Scroll To Top