Home > Recensioni > Are We Real?: Il Piccolo Dirigibile Giallo
  • Are We Real?: Il Piccolo Dirigibile Giallo

    Are We Real?

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

In viaggio tra il reale e l’onirico

Are We Real? sono due ragazzi di 18 anni, o uno di 17 e l’altro di 19, magari uno di 16 e l’altro di 20, fatto sta che in due fanno 36 anni, e “Il Piccolo Dirigibile Giallo” (il loro primo LP dopo qualche fortunato EP) è un concept album che parla delle esperienze e delle riflessioni avute su di un dirigibile che sorvola i cieli alla scoperta del mondo.

E non è un viaggio organizzato, oculato, ponderato. Le prime parole del disco infatti lasciano capire piuttosto chiaramente che sarà un viaggio all’insegna della noluntas, una sorta di ascesi dalla vita, mentre il dirigibile sonnolento si lascerà cullare fin dove lo porterà il vento. Un viaggio alla scoperta del senso delle cose, un viaggio che procurerà tante domande senza dare alcuna risposta.
Ma alla fine non è questo il destino dell’uomo?

Rock da cameretta praticato con tutto ciò che passa il convento: chitarra acustica ed elettrica, basso, ukulele, synth, piano, trombe; il tutto in nome di un lo-fi che, dall’uscita di “In The Aeroplane Over The Sea”, ha ritrovato nuova vita e nuova verve artistica. Un piccolo capolavoro italiano, certamente figlio dei Neutral Milk Hotel, che danza tra oniriche atmosfere folk come un piccolo dirigibile giallo cullato dal vento. Disco evocativo, ricco di immagini e di spunti riflessivi, pregno di passione e di personalità. Una piccola gioia nostrana.

Pro

Contro

Scroll To Top