Home > Recensioni > Ark: Arkeology
  • Ark: Arkeology

    Ark

    Loudvision:
    Lettori:

E tutti divennero paleontologi

L’8 dicembre del 2010 un importante annuncio scosse l’umanità. No, nulla a che fare con l’immacolata concezione: The Ark, la band glam pop svedese alquanto nota a livello internazionale, si sarebbe sciolta.
E come congedarsi dalle scene se non con una bella collezione di singoli, magari anche con qualche brano inedito e strappalacrime, giusto per far emozionare i fan?

Ebbene, “Arkeology” racchiude i più successoni del sestetto guidato dal promiscuo Ola, in un percorso intriso d’amore e sentimenti che va dal 2000 al 2011. A oggi, di fatto, appartengono “Breaking Up With God” e “The Apocalypse Is Over”, rispettivamente l’una traccia d’apertura e l’altra di chiusura dell’LP.

Un addio con stile, gaiezza e… dinosauri musicali.

Diteci, dove troverete qualcuno che si veste così, adesso che praticamente il gruppo si è sciolto?
Sì, è vero. Il Divina, il carnevale di Rio, la Paulese. Avete ragione.
Ma le canzoni pop di un tempo, eh? Quelle chi ve le darà più?
Addio, arca di Rottne: hai dato un senso a un ventennio.

Pro

Contro

Scroll To Top