Home > Recensioni > Army: I Gusti Grigi Della Solitudine
  • Army: I Gusti Grigi Della Solitudine

    Army

    Loudvision:
    Lettori:

Inquietante since 1968

Nato a Napoli l’8 marzo di quarantatre anni fa, Armando Fusco è nel mondo discografico semplicemente Army, correntemente stabile presso Lauro.
Conseguiti diploma di liceo classico e laurea in giurisprudenza, è la musica a divenire la vera passione. E da qui inizia l’avventura a fianco di Dagon Lorai, ovvero il pilastro su cui si reggono gli Inguine Di Daphne.

“I Gusti Grigi Della Solitudine” è un EP sostanzialmente dark, dove i sintetizzatori si intrecciano alle chitarre pesanti per dare vita a una declinazione electropop del goth di matrice anni ’80.

L’elemento che stona con lo sfondo è – paradossalmente – la voce, la quale si sofferma su monologhi d’amore portato all’estremismo e assurdità che non posseggono senso logico.

Sono positive ed incentivanti le idee racchiuse nel concept del CD, peccato che poi vengano messe in pratica in una maniera non proprio ricercata. O almeno, sembra che Army voglia apparire in veste di cantautore incompreso e dalle mille congetture mentali, quando invece farebbe meglio a sistemare le lacune.

Pro

Contro

Scroll To Top