Home > Recensioni > Artista Sconosciuto: Zero Totale
  • Artista Sconosciuto: Zero Totale

    Autoprodotto / none

    Data di uscita: 17-06-2016

    Loudvision:
    Lettori:

Il nome del cantautore è Artista Sconosciuto, il titolo dell’album d’esordio “Zero Totale” uscito il 17 Giugno, la copertina solo un grande buco nero. Non conosciamo altro di questo autore che all’ascolto sembra essere un Cantastorie neofita del punk, non tanto per aderenza di genere quanto per lo stile del tutto anticonvenzionale di cantare (quasi recitando) e di suonare.

Ciascuna delle tracce racchiude una piccola storia, il che potrebbe ricordarci altri “trovatori” della canzone italiana, come Faber o Branduardi, ma Artista Sconosciuto si discosta comunque da questa tradizione: molto più naif e minimalista, sia nei testi sia negli accordi semplici e a volte distorti, un menestrello ancora bambino che racconta fiabe in cui si intravedono stralci di vita comune, facendoci scoprire di non essere (per fortuna) troppo cresciuti.
Il Principe Azzurro” è il preludio dolce che ci ghermisce in un mondo visionario, confuso tra realtà e sogno, sogno che scivola nel turbamento dell’incubo, come “Le Campane”, dove un ritmo ossessivo fa da contraltare al tono meditativo delle parole, o “Solo Cose Legali”, scandita da un rock da marcia d’esecuzione, anche “Ti Amo E Non Guardare” raccoglie le urla di un sentimento crudo e disperato. In “Tutto Tace”, “Una Tomba”, “Murata Viva” veniamo accarezzati dalla malinconia di una chitarra acustica ed elettrica, ma il meglio di quest’album si svela nella chiusa finale con “Zero Totale”, rifiuto per il buonsenso comune frutto del sapere altrui ma non generato da se stessi, ed “Essere Idioti”, volutamente eseguita in modo “scordato” e dissonante, come gli idioti che devono sopportare il peso dell’isolamento, del non riconoscersi o non essere riconosciuti dal resto della società.

Un disco sentimentale (ma senza sentimentalismi), romantico nel suo tratteggiare fragilità e riflessioni con disarmante purezza ed emotività, reso autentico anche dai punti più deboli (come la voce) trasformati in punti di forza.

Tracklist:
1)    Il Principe Azzurro
2)    Le Campane
3)    Solo Cose Legali
4)    Ti Amo E Non Guardare
5)    Tutto Tace
6)    Una Tomba
7)    Murata Viva
8)    Zero Totale
9)    Essere Idioti

Pro

Contro

Scroll To Top