Home > Recensioni > Ashley Beedle/Horace Andy: Inspiration Information
  • Ashley Beedle/Horace Andy: Inspiration Information

    Ashley Beedle/Horace Andy

    Data di uscita: 03-03-2009

    Loudvision:
    Lettori:

Rasta Do

Il secondo disco della serie “Inspiration Information” per Strut Records unisce il mito del reggae Horace Andy e il DJ house Ashley Beedle. Inizia con “When The Rain Falls” che, con i suoi temi tradizionali e la sua produzione moderna, segue perfettamente gli altri album di Andy dell’ultimo decennio. Ma se mantiene per lo più l’atmosfera di quei lavori, è comunque una svolta per Andy, qui di fronte a generi nuovi come la dancehall e il dubstep.

Sopra il basso martellante di “Seek It”, Andy implora i giovani di abbandonare la violenza e critica i politici apatici, che ne parlano solo quando i caucasici muoiono. Le invettive moraliste continuano in “The Light”, un pezzo dolce che loda il rastafarianesimo. L’influenza religiosa è forte su tutto l’album ma non diventa mai pesante. La spiritosa “Rasta Don’t”, dedicata ai vegetariani, che elenca tutte le cose che non mangiano i rasta, è particolarmente divertente. E anche quando la materia è un po’ pedestre, la voce di Andy – che rimane una delle più distintive del reggae – riesce a superarla.

L’ultimo volume di “Inspiration Information” vedeva il cantante del soul Amp Fiddler con altre leggende del reggae, Sly & Robbie. Come Horace Andy, Sly & Robbie sono artisti già conosciuti per le loro collaborazioni al di fuori del reggae e in questo senso la serie non ci ha ancora regalato delle vere sorprese. Comunque, se Amp Fiddler e Sly & Robbie hanno composto un bell’album, piuttosto che una collaborazione sembrava un album del solo Fiddler. In questo caso, invece, Andy si esprime con mezzi diversi dal solito.

Il terzo volume, che dovrebbe uscire in aprile, unirà il padre del jazz etiopiano, Mulatu Astatké, con The Heliocentrics, il gruppo eclettico britannico, e promette di essere ancora più interessante.

Scroll To Top