Home > Recensioni > Asia: XXX
  • Asia: XXX

    Asia

    Loudvision:
    Lettori:

La meglio maturità

Un disco degli Asia è il porto sicuro dove aor e prog rock possono trovare un equilibrio irripetibile, venendo l’uno e l’altro saldati insieme, valorizzati oltre il singolo genere.

Così è anche per “XXX”, dicasi “Triple X”, che si ricorderà anche per l’eccezionale apertura affidata alla doppietta “Tomorrow The World” – “Bury Me In Willow”, coi due ingredienti musicali dosati in proporzioni diverse, shakerati ma riconoscibili. Non manca l’episodio più rock di “No Religion”, quello a netta prevalenza aor di “Faithful” e l’opposto, sulle note del prog con “Al Gatto Nero”.

Downes e Wetton, tastiera e voce, sono sempre spina dorsale e organi vitali di tutta la musica. Le percussioni di Palmer aggiungono le altre ossa, le sei corde di Howe i muscoli.

Gli Asia meglio oggi che agli esordi? Nel 2012, “XXX” è un fluire di suoni certamente adulti, leggeri, ricchi di ritmo; canzoni indipendenti l’una dall’altra, interscambiabili con quelle dei dischi della reunion del 2006. L’album si distingue per il suo glorioso inizio (e fine) e per il pacato prosieguo, puntellato di guizzi creativi che saltano solo in una manciata di passaggi.

Pro

Contro

Scroll To Top