Home > Recensioni > Aucan: Black Rainbow
  • Aucan: Black Rainbow

    Aucan

    Loudvision:
    Lettori:

Elettronica naturale

E se gli alberi secolari volessero iniziare un dialogo con gli esseri umani? Se un ruscello con il suo letto fatto di sassi taglienti volesse urlare la sua indecenza? Gli Aucan al giorni d’oggi sono la massima espressione di un genere elettronico che trasmette un certo senso primordiale composto di sperimentazioni e voglia di musica ben fatta.

“Black Rainbow” è un chiaroscuro, come una danza tribale celebrata intorno al fuoco. Positivo negativo come può esserlo solo un arcobaleno nero, qualcosa di una bellezza rara con tutti i suoi spigoli che, pungendo, ricordano come la gioia per la bellezza bisogna sapersela guadagnare.

Giovanni, Dario e Francesco portano in giro per tutta l’Europa una valigia carica di tastiere, synth, sampler e un’ottima capacità creativa. Tutti elementi che rendono ogni album e ogni live una bomba pronta ad esplodere.
La Tempesta Dischi pubblica anche questo strano arcobaleno assicurandosi sotto la sua ala un album di riferimento, che con il tempo acquisterà sempre più valore.

Pro

Contro

Scroll To Top