Author Archives: Andrea Spirolazzi

Feed Subscription

“Awesome As F**k”, metamorfosi di una band

Sono lontani i tempi in cui agli albori del millennio i californiani dovettero uscire con i deludenti “Shenaningans” e “International Superhits!” per riempire gli scaffali in attesa di nuove ispirazioni. Oggi, al contrario, i tre giocano con maestria ottimizzando il ...

Leggi »

Avril Lavigne: Goodbye Lullaby

Ninnananna alla canadese Quarto album per la giovane canadese dopo il precedente “The Best Damn Thing” del 2007. Aiutata nella scrittura e produzione da una manciata di produttori e compositori, fra cui l’ex marito Deryck Whibley, Avril propone una gran ...

Leggi »

Tanto fumo!

Ma anche tanta sostanza, grazie agli Ska-P sempre in forma autori di una serata coinvolgente e grazie all’evento costruito intorno a quest’ultima data prima di una pausa che servirà agli spagnoli per la stesura di un nuovo disco. Il ricchissimo ...

Leggi »

Da Pinkerton a… Pinkerton!

Chi sono questi Weezer, che con il 2010 compiono la bellezza di 18 anni di carriera? Per un ragazzo della web-generation sono «quelli che hanno preso in giro i video di YouTube facendoli propri nel videoclip di “Pork and Beans”». ...

Leggi »

Il muro del suono

“World War Tour“: un nome quanto mai azzeccato per introdurre il tipo di evento da aspettarsi, popolato di pirati scozzesi e guerriglieri svedesi coinvolti in una lotta a suon di decibel. Ad aprire la scena gli Alestorm che – grazie ...

Leggi »

The Poodles: No Quarter

No what? Cinque anni di carriera e tre album ed ecco sfornato il primo live per gli svedesi The Poodles. Hard rocker che strizzano l’occhio al metal, immortalati nel 2009 durante una data del tour “Clash of The Elements”. In ...

Leggi »

Secret Sphere: “Archetype”: metallo italiano

Annata intensa, questo 2010 per gli italianissimi Secret Sphere. Inizio col botto a supportare i Gamma Ray in giro per l’Europa, ed ora il nuovo album “Archetype”. Ci siamo fatti raccontare la genesi del disco e le sensazioni di questi ...

Leggi »

Bad Religion: The Dissent Of Man

Trent’anni di carriera e non sentirli Freschi di festeggiamento per i trent’anni di carriera, eccoli tornare con una nuova uscita. Come di consueto pezzi brevissimi e intensi, quindici cartucce variegate che spaziano da un misto nostalgia/tristezza alla rabbia a cui ...

Leggi »
Scroll To Top