Author Archives: Antonio Varriale

Feed Subscription

Pulp Fiction, tra cibo e autocitazionismo

Si parlava della postmodernità di Quentin Tarantino e della diversa natura delle sue citazioni; a volta addirittura false (qui la prima parte del nostro omaggio dedicato a “Pulp Fiction”, a vent’anni dall’uscita): il “passo” dalla Bibbia recitato da Jules, in realtà ...

Leggi »

Pulp Fiction, vent’anni fa la Palma d’Oro

I film sono oggetti narrativi estremamente seri, che costeggiano le nostre esperienze, usando i fotogrammi come graffette per appuntare momenti e sensazioni precisi, vissuti e rinnovati a ogni visione. Sono bauli senza fondo, dove possiamo trovare, ritrovare e ritrovarci, possiamo ...

Leggi »

Snowpiercer: L’ultima corsa di un’umanità in decadenza

Il cinema di Bong Joon-ho andrebbe studiato nelle università, ammesso che già non lo si faccia, per catturare l’esatto peso specifico del blockbuster d’autore, in cui esigenze di mercato e spettacolarità viaggiano inarrestabili e parallele con quelle del regista, come ...

Leggi »

Oscar 2014, Leonardo DiCaprio: Sarà l’anno del lupo?

Anche senza vestirsi dei panni scuri e jettatori di un personaggio pirandelliano o di quelli mitico-aggiornati di una Cassandra cyber punk, non ci vuole la palla di vetro per ammettere che le possibilità che Leonardo DiCaprio si porti a casa ...

Leggi »

Il capitale umano, il lato oscuro della finanza

Che Virzì sia uno dei massimi registi italiani viventi credo sia cosa accettata e digerita, ma ciò che lo rende quasi un unicum nel nostro panorama è la sua abilità nell’attraversare i generi, esplorandoli dall’interno e riuscendo ogni volta a ...

Leggi »

Jiro E L’Arte De Sushi

Il lavoro come etica della vita Non esiste, in traduzione, un termine adatto per shokunin; è possibile forse darne una definizione: un artigiano totalmente votato al proprio mestiere tanto da realizzare un prodotto che trascende il suo stesso lavoro per ...

Leggi »

Il livido colore dell’angoscia

C’è più di un difetto nell’ultimo film di Denis Villeneuve, dal sottoutilizzo di attori (Paul Dano) e soprattutto attrici a una risoluzione del giallo calata dall’alto, qualche lungaggine, personaggi che svaniscono quasi nel nulla col procedere della storia. Eppure Villeneuve ...

Leggi »
Scroll To Top