Author Archives: Arianna Pernigoni

Feed Subscription

Glyder: Yesterday, Today And Tomorrow

Non solo folk Hanno un background pesante ma, come i connazionali The Answer, i Glyder sono da tenere d’occhio nella scena hard rock irlandese. Li hanno subito paragonati ai Thin Lizzy per le sonorità vagamente anni ’70 (“Knockout”), ma c’è ...

Leggi »

Exodus: Exibit B The Human Condition

Heavier than heavy! Ecco il nuovo lavoro degli Exodus, band capostipite del thrash metal insieme ai “Big Four: li ritroviamo nel 2010 a riprendere le fila del precedente album, con un concentrato di pura potenza, che continua sulla vecchia linea ...

Leggi »

Mellowtoy: Pure Sins

Italians do it heavy!!! Con “Pure Sins” gli Italiani Mellowtoy compiono una svolta più hard-core e meno elettronica. Le doppie voci (melodica unita al growl death alla Lamb Of God e Mastodon) intessono un interessante intreccio death-hardcore e heavy classico ...

Leggi »

Cantami, o Musa, del Semidivo Perseo…

Cimentarsi con un peplum è sempre un’impresa ardua, ed era da alcuni anni che non ne usciva uno decente, dai tempi del “Gladiatore” di Ridley Scott, 2000 e di “300” di Zack Snyder (2007), che però sono soprattutto film storici. ...

Leggi »

Guido Campiglio : Saturn

Speed of light Otto track di puro heavy metal classico, senza fronzoli né pretese. Ecco cosa ci propone la seconda prova da studio di Guido Campiglio, chitarrista bergamasco che si è nutrito della migliore tecnica dei chitarristi nordici di stampo ...

Leggi »

Ossimoro: Deus

It’s only stoner rock… and I like it! In realtà più stoned che stoner, nel senso letterale del termine, date le atmosfere dark e allucinate della band romana, arrivata con “Deus” al secondo album. Gli Ossimoro s’iscrivono nel solco della ...

Leggi »

AC/DC: AC/DC: Ironman 2

If you want blood… Non è la prima volta che gli AC/DC si cimentano (con successo) in una colonna sonora: era già successo per “Brivido” (1986), uno dei più riusciti (e, badate bene, non abbiamo detto belli) film tratti da ...

Leggi »

Male Bonding: Nothing Hurts

Out from the underground Il trio dei Male Bonding è inglese al 100% e colorato come solo i musicisti dell’East London sanno esserlo: citazioni al punk crudo, volutamente finto dilettantesco, con intro alla Motorhead e voce in cantina (“Year’s Not ...

Leggi »

Poisonblack: Of Rust And Bones

Canzoni per un giorno di dolore Ritorna il gruppo di punta del panorama goth-rock finnico con il quarto album, “Of Rust And Bones”, un disco poderoso, di sofferto lirismo, alimentato dalla consueta voce roca e calda di Ville Laihiala. Le ...

Leggi »
Scroll To Top