Home > Recensioni > Autopsy: All Tomorrow’s Funerals
  • Autopsy: All Tomorrow’s Funerals

    Autopsy

    Data di uscita: 22-02-2012

    Loudvision:
    Lettori:

BlehBlehBleh! ClangClangClangClang!

Gli Autopsy sparano un colpo in faccia all’attesa per il loro prossimo album e uniscono in un solo cd i 2 ep finora pubblicati (“Retribution For The Dead” e “The Tomb Within”), il contenuto del singolo “Horrific Obsession” e diverse anticaglie ri-registrate per l’occasione.

Il risultato è un’apnea nel death più bestiale che la scuola metal statunitense abbia abortito, a base di morte, vomito, schifezze e orrore. Il disco va a punti offrendo un confortante equilibrio interno tra tracce vecchie e meno vecchie, in maggioranza ben collocate sul bilancino che oscilla tra le sfuriate guidate da Chris Reifert – il batterista-cantante – e i momenti doom dove la chitarra stende un manto tetro sulla brutalità.

Reifert è (stato?) il cantante dal growl perfetto e la band, con “All Tomorrow’s Funerals”, offre un prodotto utile, una compilation alternativa di brani tutti validi, straordinariamente omogenei e intrisi della sensazione di malevola oscurità che questa formazione ha elargito meglio di altri. Comprando questo prodotto, l’ascoltatore porta a casa quello che si può quasi considerare un vero e proprio disco a sé stante. A meno di non essere un fan di quelli duri, già in possesso degli EP, dei singoli e magari dei vinili.

Pro

Contro

Scroll To Top