Home > Recensioni > Autopsy: Macabre Eternal
  • Autopsy: Macabre Eternal

    Autopsy

    Data di uscita: 30-05-2011

    Loudvision:
    Lettori:

Danze macabre

Questo nuovo lavoro degli Autopsy segna un gradito ritorno per gli amanti del death metal americano di classico stampo 90’s.

“Macabre Eternal” riporta la band in auge in questo 2011, dopo quindici anni di assenza e solo un paio di uscite di EP e di live. Il gruppo, estremamente in forma, non ha perso la caratteristica truce che l’ha sempre contraddistinto.
Il lavoro è una sorprendente cavalcata death da togliere il fiato. L’incedere costante di ritmi serrati dona all’intero album fluidità e dimostra la grande maturità del combo, mai sopita nel corso di questi anni di iato.
Certo, non si possono dimenticare opere come “Severed Survival”, o il successivo “Mental Funeral”, ma il ritorno, nel suo complesso, lascerà di stucco e chissà che nuove orecchie possano iniziarsi a tale musica da molti abbandonata.

La musica nel corso degli anni è cambiata molto, dal prog al black, ma è sempre un piacere trovare in questo vasto mondo musicale gruppi che a distanza di vent’anni e più dalla nascita non si sono piegati a compromessi, mantenendo inalterato tutto ciò che li ha contraddistinti nel corso della carriera. È proprio il caso degli Autopsy, una band che ha sempre fatto delle copertine dissacranti e dei testi al limite dell’intransigenza il loro cavallo di battaglia. Tutt’oggi, sono pronti ad invaderci con il loro nuovo lavoro che non dona nulla di nuovo al metal se non un gradito ritorno in grande stile.

Pro

Contro

Scroll To Top