Home > Recensioni > Avatar: Hail The Apocalypse
  • Avatar: Hail The Apocalypse

    Gain Production / none

    Data di uscita: 12-05-2014

    Loudvision:
    Lettori:

Correlati

Una partenza di massimo impatto elettrico – per mezzo del singolo, “Hail The Apocalypse” – apre l’omonimo disco degli Avatar, un prodotto che sviluppa compiutamente gli elementi introdotti dal predecessore.

Chitarroni pesanti e riff “spezzati”, clean vocal per i ritornelli e incedere martellante sono la base di questa specie di fusione tra thrash e nu metal. Vi trovano vita brani dal climax ascendente sulla specie di “Bloody Angel”. Oppure “Death Of Sound”, dalla sei corde vibrante. E ancora la pesantissima “Tsar Bomba”, che sfocia nelle atmosfere circensi di “Puppet Show”. Assoli puliti rimarcano le radici “heavy” della formazione, mentre la scaletta esalta l’ascolto integrale.

Rispetto al passato, lo stile della band è diventato più vario, l’approccio più personale e i riempitivi sono stati pressoché messi da parte. Eppure, bizzarro a dirsi, la sostanza sembra dileguarsi al di sotto della patina di potenza ammodernata di “Hail The Apocalypse”. L’ascolto ripetuto non risolve le perplessità e le sparate contro la cura del look, a spese della musica, vengono troppo facili.

Pro

Contro

Scroll To Top