Home > Recensioni > Avenue X: Avenue X

Avenue X: Avenue X

Punk in tre generazioni

Il superstite di professione Marky Ramone presta il suo mestiere dietro le pelli a Dionna Cole, giovanotta newyorchese e attricetta, al suo esordio da protagonista nel mondo della musica. In line-up con lei, sia chitarrista che cantante, figura il marito Marzio Dal Monte, italiano e noto come paracadutista estremo e portatore di gellatissime creste.

Ecco quindi tre canzoni su tempi tipicamente punk rock anni ’80. La prima si intitola “I Want You” e musicalmente riprende i Ramones in tutto e per tutto, dall’uniformità del ritmo al mini assolo. La seconda, “Blue Moon On Kentucky”, aggiunge un retrogusto propriamente country. La terza è “Feel Dead”, più pop e un pelo malinconica. La voce di Dionne vola sporca, quasi alla Distillers, ma si addolcisce in una manciata di passaggi.

Non sarà un mini-mini ep, poco più di sei minuti di musica, a convincere LoudVision a dare un voto. In attesa del primo disco, cosa si può dire degli Avenue X? Che fanno punk-rock scolastico e super ispirato dai Ramones. Che i brani sono immediatamente digeribili, come un’insalatina. Che l’attitudine – che è quasi tutto – sembra sincera, come pure la sensazione di avere di fronte una bella minestra riscaldata. Considerazioni cui il buon punk risponderebbe «f*****o!». Tanto vale accettarlo.

Pro

Contro

Scroll To Top