Home > Recensioni > Avvolte: L’Essenziale È Invisibile Agli Occhi
  • Avvolte: L’Essenziale È Invisibile Agli Occhi

    Avvolte

    Data di uscita: 07-05-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Cit. Piccolo Principe

Al quinto album con “L’Essenziale È Invisibile Agli Occhi” la band piemontese “Avvolte” era obbligata a fare il botto… E così è stato.

Undici tracce di puro spirito rock, new wave e tracce dark serpeggiano indisturbate tra gli animi dell’ascoltatore. La band sembra trarre ispirazione sia dalla musica che dalla letteratura: hanno molti intermezzi che ricordano gli Afterhours del passato, saliscendi continui intervallati dalla voce di Cristian che risuona come quella di un poeta decadente. Chitarre sempre suonate in maniera differente, testi puri e attenti al sociale oltre che all’animo personale della band.
Il contributo di Lydia Lunch, che introduce l’album con una poesia sulle morti sul lavoro, è stato un contributo folgorante.

Se la vista può essere così ingannevole, la stessa cosa non vale per l’udito. E in questo caso è proprio vero: le tracce trattengono l’attenzione fin dall’inizio e l’unica cosa che interessa è sapere come andrà a finire.
All’interno dell’album la maggior parte delle canzoni potrebbero essere scelti come singoli da lanciare: brani più rabbiosi come “Ti Piace L’Articolo?” o altri più malinconici come “Il Vestito Più Scuro”… Insomma, ogni cosa di questo album è esplosiva.

Assolutamente da avere!

Pro

Contro

Scroll To Top