Home > Recensioni > Axel Rudi Pell: Circle Of The Oath
  • Axel Rudi Pell: Circle Of The Oath

    Axel Rudi Pell

    Data di uscita: 26-03-2012

    Loudvision:
    Lettori:

The Guitar Wizard Show

Non si puo certo dire che Axel Rudi Pell sia un chitarrista poco prolifico o monotono, basta ascoltare il nuovo “Circle Of The Oath” per capire che ci troviamo di fronte ad una leggenda tedesca delle sei corde.

Suoni intrisi di magia e di atmosfere piene di pathos armonico musicale caratterizzano queste dieci song dove prevale naturalmente l’estro chitarristico del leader; ascoltandolo si trova di tutto dall’epic metal più deutch oriented, al sound melodic seventies di pezzi più morbidi.

Interessante il riscoprire a tratti le vecchie sonorità di album come “Masquerade Ball” e “Black Moon Pyramid” dimostrando come oggi sia ancora in grado di stupire senza ripetersi.

Un album dai toni musicali apprezzabilissimi da consumare con il rispetto che si deve ad un maestro della sei corde.

Velocità precisione, ma anche tanto amore per la sei corde scaturisce dall’ascolto del nuovo lavoro di Axel Rudi Pell, sempre sulla breccia da trent’anni.

Una formazione che lo accompagna ormai da quindi anni rende tutto il lavoro più omogeneo degno di essere considerato completo in tutti i suoi punti.
La band, ispiratissima grazie anche a parti vocali splendide di un grande Jhonny Gioeli, e una sessione ritmica importante data dalla presenza dietro le pelli di Mike Terrana, non cade mai nel monotono e nel già sentito.

Le parole in questo caso non servono a molto, lasciatevi trasportare dalle note e dalla magia che ne scaturisce.

Pro

Contro

Scroll To Top