Home > Recensioni > Axel Rudi Pell: Game Of Sins
  • Axel Rudi Pell: Game Of Sins

    SPV / audioglobe

    Data di uscita: 15-01-2016

    Loudvision:
    Lettori:

“Game Of Sins” è il titolo del nuovo album del chitarrista heavy-metal tedesco, Axel Rudi Pell, meglio conosciuto con il soprannome di “The German Guitar Wizard”.

La line-up vede Johnny Gioeli alla voce, Axel Rudi Pell alla chitarra, Ferdy Doernberg alle tastiere, Volker Krawczak al basso e Bobby Rondinelli alla batteria.

L’apertura è affidata all’intro strumentale “Lenta Fortuna”, nel quale compaiono suoni spettrali che lentamente si affievoliscono, disperdendosi in una melodia a tempo di valzer.

Segue, “Fire”, un brano dalle tematiche epiche e dal sound diretto ed incisivo in cui la voce di Gioeli può sfoggiare a pieno titolo la sua ‘maestria’. Una batteria potente e maestosa, caratterizza “Sons Of The Night”, un brano di puro e genuino hard rock, i cui testi sono stati scritti prendendo come fonte d’ispirazione la famosa serie TV ‘Sons Of Anarchy’.

I toni si fanno più dimessi e scuri nella title-track, “Game Of Sins”, brano di ampia durata e respiro, nove minuti di strutture epiche e scale arabe che sfociano nella successiva “Falling Star”, di evidente richiamo al sound tipicamente anni ’80.

Poteva non mancare una ballad?…Ecco allora che Axel Rudi Pell soddisfa le nostre aspettative con la romantica “Lost In Love”, impreziosita dalla voce ruvida ed intensa di Gioeli.

“The King Of Fools”, rianima i nostri sensi a suon di hard-rock, intento confermato nella successiva “Till The World Says Goodbye”, ancora gesta epiche in una ballata dai toni dark.

E’ tempo di rompere le regole con l’energica “Breaking The Rules”, per poi lentamente approdare verso la fine con “Forever Free”.

Ma non è tutto…undicesima traccia (nella versione limitata in digipak) è un’inaspettata bonus-track, del classico firmato ‘Dylan/Hendrix, “All Along The Watchtower”, rivista in chiave ‘hard-rock’ sia nel sound che nella voce, e chissà che non sia in grado di soddisfare gli affezionati del genere!

In “Game Of Sins”, ritroviamo quindi l’Axel che tutti conosciamo, eccellenti musicisti e una particolare dedizione in fase di registrazione, che concorrono a rendere questo nuovo lavoro un ulteriore importante tassello nella lungimirante carriera di questo ‘instancabile’ chitarrista.

 

 

 

 

Pro

Contro

Scroll To Top