Home > Recensioni > Babyshambles: Sequel to the Prequel
  • Babyshambles: Sequel to the Prequel

    Babyshambles

    Data di uscita: 17-09-2013

    Loudvision:
    Lettori:

Il bad boy inglese è in gran forma

Ben 6 anni dopo “Shotter’s Nation”, quando le tracce erano quasi svanite del tutto, a sorpresa arriva questo “Sequel To The Prequel”, terzo disco dei Babyshambles guidati da Pete Doherty, ex-Libertines. Già dal primo singolo, “Nothing Comes To Nothing”, si capisce che la band ha un nuovo splendore, ha una forma che prima mancava, per plurimi motivi. C’è da dire che i primi due lavori, a parte 4-5 pezzi a disco, non erano niente di che, sfiorando la mediocrità. Questo è grintoso, pop, rock’n’roll essenziale che più essenziale non si può, con chitarre graffianti e Pete in forma compositiva più che mai. Well done Pete!

Partiamo da “Fall From Grace”, una ballad ai limiti del folk-country. Si dimostra qui come Pete e soci abbiano voglia, dopo 8 anni di attività, di mettersi ancora in discussione con sonorità mai nemmeno sfiorate prima. Certo, non mancano episodi tipicamente rock’n’roll che si avvicinano molto allo stile dei Libertines (“Maybelline”, “Fireman”, “Minefield”, capolavoro), ma ci sarebbe da stupirsi se non ci fossero. Una band che per ora, almeno su disco, ha trovato un nuovo smalto e una nuova voglia di fare musica. Sperando che la voglia venga trasmessa anche dal vivo e che il pubblico italiano, a febbraio, non resterà deluso come qualche anno fa.

Pro

Contro

Scroll To Top