Home > Recensioni > Bad Religion: The Empire Strikes First
  • Bad Religion: The Empire Strikes First

    Bad Religion

    Data di uscita: 01-01-2004

    Loudvision:
    Lettori:

Punk con la cresta, punk con la testa

Greg Graffin e Brett Gurewitz hanno riportato i Bad Religion a livelli che molti attendevano dai tempi degli ultimi dischi su Epitaph, con ormai più di una decade sulle spalle. Sarà la bruciante ispirazione socio-politica che l’establishment statunitense sta involontariamente alimentando nel sottosuolo artistico americano, ma “The Empire Strikes First” torna a farci cantare con convinzione la cinica critica del sistema.

Sconquassante la carica di “Sinister Rouge”, corredata da cori punk fin nel midollo, semplicemente irresistibile il tiro di “Social Suicide”, e per le prime quattro tracce non si superano mai i due minuti di durata. Le ritmiche si mantengono piuttosto statiche, così come spesso si assomigliano le linee vocali di Greg Graffin, ma i crescendo e i singalong di cui “The Empire Strikes First” è sovrabbondante sono di quelli che il punk melodico da classifica oggi non può esibire.

Grazie ad una bruciante ispirazione nel songwriting e ad una creatività stabilmente ritrovata, il disco si mantiene sorprendentemente vitale fino al termine, con pause impercettibili e un’uniformità di suoni tollerabile, tanto che “Live Again” sembra più che altro suonare alle nostre orecchie come un “Play Again”.
Punk per tutti, fare soltanto attenzione a tenere alto il grado di riottosità mentre si leggono i testi.

Scroll To Top