Home > Recensioni > Battle Beast: Steel
  • Battle Beast: Steel

    Battle Beast

    Data di uscita: 27-01-2012

    Loudvision:
    Lettori:

Acciaio caldo

Ricordate i Poodles? Trasferiti in Finlandia, con l’appioppo di una potente voce femminile, suonano Battle Beast.

Ecco quindi inquadrato “Steel”, heavy metal melodico, infuocato e pomposo, una successione di inni al genere dei lunghi capelli, pezzi che si calpestano uno con l’altro nel cercare di buttar fuori il coro più diretto e memorizzabile, i testi più epici e scontati e i riff più immediati ed efficaci.
Un bell’assolo tagliente schiaffato ai tre minuti di canzone e il piatto è servito.
Tra gridolini e le voci ambosessi che si rincorrono, nascono così “Enter The Metal World”, “Justice And Metal”, “Show Me How To Die” e gli altri brani, che accompagnano verso una chiusura magniloquente e dall’ottimismo facilone.

“Steel” è il disco in cui ogni brano può essere estratto e separato dagli altri senza conseguenze per la struttura generale. È anche l’album dove l’euforia metallara può improvvisamente cedere il passo alla noia, dove l’immaginazione di masse sottopalco che cantano a squarciagola la loro “fede” rischia di soccombere all’interscambiabilità di pezzi tutti buoni quanto frivoli. Come per i Poodles, l’estro compositivo non viene accompagnato dalla ricerca di orizzonti di largo respiro.

Pro

Contro

Scroll To Top