Home > Recensioni > Belle & Sebastian: The Third Eye Centre

“The third eye centre”, una nuova raccolta

“The Third Eye Centre” è il nuovo lavoro dei Belle & Sebastian. Purtroppo non si tratta di un Lp di canzoni inedite, ma di una raccolta di b-side, versioni alternative e di remix incisi tra il 2003 e il 2010 dalla band scozzese. Nel 2005 avevano pubblicato il fortunato “Push Barman To Open Old Wounds” con l’intenzione di raccogliere le rarità prodotte nella prima parte della carriera. Con il nuovo album, si pongono l’obbiettivo di presentare tutte quelle canzoni non incluse negli Lp ufficiali nel periodo di collaborazione con l’etichetta discografica Rough Trade.
Il disco contiene 19 canzoni. Colpisce per l’eccletticità delle sonorità che caratterizza il lavoro. Ogni brano apre una porta e dietro si spalancano universi sempre differenti.

Il disco è aperto dal remix della nota “I’m A Cuckoo”, feauturing Avalanches ed è un viaggio tra sonorità africane. “Love On The March” ha un sound tipico brasiliano. Le sonorità disco impreziosiscono la canzone “I Took A Long Hard Look”.
Colpisce la capacità di Stuart e soci di sperimentare generi e sonorità non appartenenti al loro repertorio, non perdendo quel tocco malinconico che ha fatto scuola. Ora aspettiamo un nuovo inedito, per capire la direzione che la band ha deciso d’intraperendere.

Pro

Contro

Scroll To Top