Home > Report Live > Benzina al centro della fiamma

Benzina al centro della fiamma

Niente gruppo di apertura per i Subsonica attesi sul palco del Rock in Roma da una nutrita schiera di persone nonostante non sia passato molto dal loro ultimo appuntamento col pubblico romano.

Dopo una registrazione dei fan che gli fanno gli auguri per il loro 15° compleanno, già ci si rende conto che la scaletta è completamente diversa rispetto ad aprile, pèrchè, come ha spiegato Samuel dopo “Ratto”, il pezzo con cui hanno aperto, e “Veleno”, dal momento che nel corso dell’anno i Subsonica hanno avuto parecchi concerti a Roma, volevano proporre “una cosa un po’ diversa“. E la promessa iniziale è stata sicuramente mantenuta facendo sentire pezzi come “Chase The Devil”, “Il Centro Della Fiamma” e includendo solo due brani estratti da “Eden”, “Il Diluvio” e “Benzina Ogoshi”, senza dimenticare le canzoni che non possono mancare a un concerto dei Subsonica, tra cui “Discolabirinto”, “Liberi Tutti” e “Aurora Sogna”.

I Subsonica sono apparsi in gran forma, in particolare Samuel che ha saltato da una parte all’altra del palco come se fosse tornato a 15 anni fa e Max Casacci, che stracarico ha dato spettacolo con la sua chitarra.

Il pubblico, come sempre travolto dall’energia della band torinese, ha partecipato attivamente al concerto stabilendo un feeling palpabile con i subsonici. Quando Samuel ha annunciato che il concerto è a un bivio e bisogna scegliere se dargli una svolta intimista con “Atmosferico” o se andare sul commerciale con “Nuova Ossessione”, la quantità di urla rende chiara la preferenza per la seconda che ha detto.

Certo quando in un secondo momento Samuel chiede al pubblico di lanciargli un euro a testa per continuare qualcuno gli tira 20 centesimi ma si sa che tra crisi e svalutazione a volte l’amore per una band non basta.

Il concerto dura solo due ore, un po’ meno di quello a cui i Subsonica hanno abituato il pubblico, che forse anche per questo, oltre al rapporto che si è creato durante lo show, nutre la speranza di salutarli prima di lasciare l’ippodromo, ma nessuno dei cinque esce a incontrare i propri fans, che le parole “Non dimenticherò la nostra strada e ciò che siamo, questo no, non credo cambierò“, siano ormai solo il testo di una canzone? A voi l’ardua sentenza, di sicuro sulpalco non hanno perso la via maestra.

“Ratto”
“Veleno”
“Corpo A Corpo”
“Perfezione”
“Piombo”
“Liberi Tutti”
“IL Diluvio”
“Benzina Ogoshi” (nel mezzo accenno a “Io Sto Bene” dei CCCP)
“Sole Silenzioso”
“Istantanee”
“Depre”

“Chase The Devil”
“Cose Che Non Ho”
“La Glaciazione”
“Il Centro Della Fiamma”
“Nuova Ossessione”
“Up Patriots To Arms”
“Discolabirinto”
“Strade”
“Tutti I Miei Sbagli”
“Aurora Sogna”

Scroll To Top