Home > Recensioni > Best Coast: The Only Place
  • Best Coast: The Only Place

    Best Coast

    Loudvision:
    Lettori:

Best disc dei Best Coast

Bethany Cosentino e Bobb Bruno non ci avevano delusi con il loro debutto intitolato “Crazy For You” (2010), semplicemente “The Only Place” fa molto più figo e lo surclassa.

Parliamo sempre di un indie rock a bassa risoluzione- chiamatelo lo-fi se vi piace tanto-, con quegli inserti surf pop che prendono il cervello e lo sbattono sulle spiagge statunitensi una volta calcate dai Beach Boys.
Parliamo di undici brani ben strutturati, ad alto tasso d’introspezione e nostalgia, più che altro perché (dice Cosentino) “Ero così occupata e distratta e costantemente in viaggio”.
Che viaggiare faccia bene a Best Coast? Sicuramente sì.

Siete in macchina e avete il mangiacassette di ultima generazione? Dategli in pasto questo album.
Soffrite per amore? Tiratevi su il morale con questo album.
Il tizio della Telecom vi telefona per dirvi che siete belliffimi? Regalategli questo album.
Noi approviamo molto.

Pro

Contro

Scroll To Top