Home > Recensioni > Bettye LaVette: Interpretations: The British Rock Songbook
  • Bettye LaVette: Interpretations: The British Rock Songbook

    Bettye LaVette

    Loudvision:
    Lettori:

Esperimento riuscito

Una voce come quella di Bettye LaVette per essere valorizzata al meglio ha bisogno dei brani giusti: e sicuramente in questo album l’operazione è stata compiuta a pennello. E dire che, nonostante Bettye abbia iniziato a cantare a sedici anni, ha ottenuto la meritata fama solo nel 2005.

Stavolta la cantante mette alla prova le sue capacità vocali grazie a un progetto interessante: realizza infatti una propria versione di classici di storici artisti inglesi. Pink Floyd, Elton John, Ringo Starr, Rolling Stones… e sono solo alcuni. Il risultato è composto da tredici canzoni, originariamente appartenenti ai generi più diversi, rilette in versione soul.

Il disco di Bettye LaVette si ricorda soprattutto per la splendida voce della cantante, che risaltata efficacemente in molti brani come “Don’t Let Me Be Misunderstood”. In questo caso non si tratta di cover: sarebbe una definizione riduttiva. Sono particolari rivisitazioni di canzoni famose, riadattate per la speciale voce di Bettye, che lascia la sua impronta su tutto quello con cui si misura. E speriamo che adesso questa talentuosa artista abbia finalmente la fama che merita.

Pro

Contro

Scroll To Top